Un "killer" subdolo: il tumore dell'ovaio. Dalla epidemiologia alla realtà territoriale

Convegno - Ginecologia e Ostetricia, Oncologia
Auditorium CAM Monza v.le Elvezia

Mercoledì 27 novembre 2013, dalle ore 19.45 alle ore 21.30, presso l'auditorium CAM di viale Elvezia angolo via Martiri delle Foibe 1 a Monza si è tenuto l'incontro sul tema "Un 'killer' subdolo: il tumore dell'ovaio. Dalla epidemiologia alla realtà territoriale."

Otto diagnosi di tumore dell’ovaio su dieci giungono quando la malattia è ormai in fase avanzata, con importanti ripercussioni sulla sopravvivenza delle pazienti. Questa malattia tumorale colpisce 5.000 donne ogni anno in Italia, prevalentemente fra i 50 ed i 65 anni. Se ne conoscono alcuni fattori di rischio, alcuni fattori protettivi, ma … se ne parla poco! È il “cugino povero” del tumore mammario; basta un giro nei motori di ricerca per accorgersene: un milione e cinquecentomila documenti sulla malattia mammaria, duecentomila sull’ovaio. Perché “KILLER” subdolo? Perché la diagnosi è troppo spesso tardiva, sia per la sintomatologia silenziosa, con segni spesso (troppo spesso) confusi con quelli di banali patologie intestinali, sia per la minore sensibilità della donna a superare e a riconoscere segni provenienti da una sfera del proprio corpo che ancora imbarazza.
E allora cosa fare? Una risposta viene dal Progetto “WARNING OVAIO” che nasce dalla collaborazione volontaristica fra Medici di Base, Ginecologi, Oncologi, Epidemiologi, che, insieme ad una Fondazione di Ricerca e Formazione (Ars Educandi), al nostro Centro Polidiagnostico ed ad una grande Azienda - una family company quale IKEA Italia, vogliono promuovere informazione, programmi di prevenzione, di sensibilizzazione e comunicazione fra Medici e la popolazione femminile italiana.
Durante la serata verranno presentati i primi risultati di un’importante indagine svolta su oltre 6.000 donne in Italia, che hanno compilato un questionario sulle loro conoscenze, sulle loro abitudini, sui loro comportamenti. La survey ha permesso di ricavare dati importanti per costruire un percorso che deve coinvolgere il Medico di Famiglia, lo Specialista Ginecologo ed i Centri Oncologici di eccellenza. In conclusione, saranno affrontate e discusse le più importanti novità nell’approccio terapeutico chirurgico e oncologico-medico a questa malattia. 

Relatori:

Elena Alemanno

Deputy Country Manager - IKEA Italia Retail
Anita Aquilino
Presidente Ars-Educandi, Milano
Maurizio G. Biraghi
Specialista in Oncologia, CAM Centro Analisi Monza S.p.A.
Alessandro Buda
Dipartimento di Chirurgia e Medicina Interdisciplinare Università degli Studi di Milano-Bicocca, A.O. San Gerardo, Monza
Paolo Crosignani
già Primario di Epidemiologia, Istituto Nazionale dei Tumori di Milano
Marina Merola
Ginecologia Oncologica, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano
Rodolfo Milani
Direttore Clinica Ostetrica e Ginecologica, Cattedra di Ginecologia e Ostetricia, Dipartimento di Chirurgia e Medicina Interdisciplinare Università degli Studi di Milano-Bicocca, A.O. San Gerardo, Monza

Programma: 

Moderatori: M.G. Biraghi, R. Milani

  • Apertura dei lavori - M.G. Biraghi - R. Milani
  • Il tumore dell’ovaio: generalità, epidemiologia e diagnosi - M. Merola
  • Indagine conoscitiva italiana sulla percezione della malattia dal punto di vista delle donne. Il ProgettoWarning Ovaio - P. Crosignani
  • Il trattamento: aspetti chirurgici e variabili di sopravvivenza - A. Buda

Conducono la discussione: E. Alemanno, A. Aquilino, M.G. Biraghi, R. Milani

Documenti correlati
Programma Scarica