Pediatria

Servizio di psicologia e psicoterapia dell’età evolutiva

DEDICATO A BAMBINI, RAGAZZI E GIOVANI ADULTI FINO ALL’ETÀ DI 22 ANNI

PERCHE' RIVOLGERSI A UNO PSICOLOGO?

Molti bambini possono mostrare comportamenti problematici a casa o a scuola, oppure sintomi apparentemente fisici come mal di testa, mal di pancia, disordini alimentari, pipì a letto, che spesso si accompagnano a momenti delicati della vita e della famiglia.
Queste situazioni possono essere una conseguenza della difficoltà del bambino nel gestire le emozioni, l’ansia e a comunicare il proprio malessere. In questi casi, l’incontro con uno psicologo può aiutare i genitori e la famiglia a cogliere la sofferenza che rende difficoltosa la crescita del bambino.
La consulenza con lo psicologo specializzato nell’età pediatrica prevede uno o più colloqui con gli adulti di riferimento, cui segue di norma l’incontro con il bambino da solo o in presenza dei genitori. 
I colloqui aiutano gli adulti ad arricchire la loro capacità di ascolto e di comprensione dei comportamenti del piccolo. Questi primi incontri di accoglienza, già di per sé terapeutici, possono essere sufficienti nel caso di semplici “crisi evolutive”. In altre situazioni, può essere consigliato un intervento prolungato, tramite una serie di sedute regolari, chiamato “psicoterapia”, con il solo specialista psicologo, un dottore che dialoga con i bambini, disegna e gioca con loro.

Questo servizio di consultazione è dedicato anche ai ragazzi adolescenti e ai loro genitori che riconoscono un malessere nei propri figli e provano difficoltà nell’accompagnarli lungo questa fase delicata della vita. Gli adulti possono sentire in crisi il proprio ruolo educativo, non riconoscere e comprendere più i comportamenti dei propri ragazzi. In questo caso, la consultazione con uno psi-cologo può rappresentare un momento di contatto con le difficoltà per il ragazzo e i suoi famigliari, all’interno di uno spazio riservato e protetto. Il contatto con il servizio di consultazione può avvenire tramite l’adolescente, i genitori o entrambi (nel caso di minori è necessario il consenso di entrambi i genitori). Solitamente il percorso di cura prevede colloqui con l’adolescente e, con diverse modalità e frequenze, colloqui con i genitori. 

Per prenotare o richiedere informazioni: 039 2397.1, info.monza@synlab.it

Nuovo anno scolastico: i punti essenziali per un rientro in salute

Al termine delle vacanze estive, per le famiglie con bambini giunge il momento di riprendere la routine quotidiana, tornando a un regime alimentare adeguato, a orari più regolari e vicini a quelli del periodo scolastico.
Soprattutto per i più piccoli, esistono alcuni stratagemmi che possono aiutare a impostare in maniera corretta uno stile di vita idoneo al rientro scolastico, fin dai primi giorni.

E’ importante ricordare, infatti, che un’alimentazione non equilibrata e la mancanza di abitudine a praticare attività motoria non solo possono compromettere il rendimento scolastico dei piccoli, ma sono fra le cause principali di sovrappeso e obesità, quindi di malattie cardiovascolari, all’origine di patologie invalidanti e morte tra la popolazione occidentale. Spesso i nostri giovani commettono errori quantitativi e qualitativi nelle scelte alimentari: la loro dieta, infatti, risulta iperproteica, con un eccesso di assunzione di proteine di origine animale, iperlipidica, con un’elevata assunzione di acidi grassi saturi, oltre che lievemente ipoglicemica, ma con un consumo sbilanciato verso gli zuccheri a rapido assorbimento. In aggiunta a questi errori, sono diffusi il ridotto apporto di fibre alimentari, di calcio e ferro. 

Esistono delle semplici regole alimentari fondamentali per favorire la salute dei bambini e di conseguenza affrontare il rientro ai banchi di scuola” – spiega Il Prof. Sergio Bernasconi, specialista del CAM di Monza, nonché professore ordinario di Pediatria all’Università di Modena-Reggio Emilia e Parma e già Direttore delle relative Cliniche Pediatriche “Anzitutto mantenere una buona frequenza dei pasti con un menù variegato è sostanziale per una dieta alimentare corretta che contribuisca al giusto apporto calorico necessario per affrontare la giornata a scuola”. In particolare è fondamentale garantire i 5 pasti giornalieri: prima colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda e cena con il giusto apporto di frutta e verdura. Nello specifico, studi e dati scientifici hanno dimostrato che i bambini abituati a una buona colazione hanno un miglior rendimento scolastico determinato da una miglior capacità di attenzione”.

Accanto all’alimentazione, vi sono altri fattori che contribuiscono positivamente al rendimento scolastico, come il sonno, attività biologica fondamentale. Lo specialista sottolinea che “Andare a letto presto, evitare l’abitudine a trasmissioni tv che possano eccitare nei momenti antecedenti le ore di riposo e svegliarsi al mattino in tempo utile per un buon pasto prima di recarsi a scuola, sono abitudini cruciali per il benessere dei giovani studenti”.

Oltre a questo, anche l’attività fisica è uno strumento decisivo. “Anche nella stagione invernale, nella quale si tende a una vita più sedentaria, è importante dedicare 45-60 minuti al giorno al movimento, che non è da intendersi solo come sport, ma anche come gioco o attività all’aria aperta” spiega il pediatra.

Sono dunque le abitudini più semplici e le regole più elementari a costituire la base per un avvio delle attività ai banchi di scuola in piena forma, che favorisca un buon rendimento. “Concretamente - spiega il professore - un ritorno alle buone abitudini di un’alimentazione fatta da prodotti preparati in casa che hanno una qualità nutrizionale fondamentale, nonché il riferimento della piramide alimentare come base per avere ben presente gli elementi chiave per una sana alimentazione, sono cruciali per una vita sana. Inoltre - continua Bernasconi - è importante ricordare che, nelle stagioni più fredde, non è necessaria una quota calorica superiore, come spesso erroneamente si può pensare, poiché nella società attuale la dispersione energetica è pressoché uguale in ogni momento dell’anno”.

E’ alla luce di tali considerazioni e buone pratiche, che il CAM di Monza, grazie alla collaborazione con il professor Bernasconi, ha strutturato un servizio dedicato a bambini e ragazzi frequentanti scuole primarie e secondarie di primo grado. L’obiettivo è quello di indagare, attraverso un approccio multidisciplinare, il benessere del bambino in quelle aree che potrebbero avere un impatto sulla sua vita scolastica. 
In un integrato lavoro di équipe, gli specialisti CAM, coordinati dal prof. Bernasconi, mettono a disposizione del Pediatra di Famiglia quegli approfondimenti necessari per escludere eventuali difetti di funzioni come la vista, l’udito, la postura e la funzionalità mandibolare e ortodontica.

Per informazioni e prenotazioni riguardanti il servizio CAM School Check è possibile contattare il numero di telefono 039 2397.468.

Collaborazione clinica con il Professor Sergio Bernasconi

Il CAM ha il piacere di annunciare il prosieguo della collaborazione scientifica e l’inizio della collaborazione clinica con il professor Sergio Bernasconi, Professore Ordinario di Pediatria, già Direttore delle Cliniche Pediatriche dell’Università di Modena-Reggio Emilia e Parma.

Da gennaio 2015 il professore sarà disponibile presso l’ambulatorio di Pediatria del CAM di viale Elvezia per consulenze di secondo livello nelle aree di endocrinologia, auxologia e problematiche nutrizionali.

Attività clinica

AUXOLOGIA Responsabile dal 1971 al 1995 e dal 2000 a oggi del centro auxologico della Clinica Pediatrica di Parma, che si articola in quattro ambulatori, tre letti day hospital e un laboratorio di ricerca.

ENDOCRINOLOGIA Il professor Bernasconi vanta un’esperienza di livello internazionale nella gestione di sintomi e sindromi adolescenziali (irsutismo, ovaio policistico, ginecomastie, etc.) Ha ricevuto nel 2013 il premio internazionale “Espe”, riconoscimento conferito a un clinico che abbia contribuito in maniera molto rilevante allo sviluppo dell’endocrinologia pediatrica mondiale.

PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI Noto a livello europeo come esperto di nutrizione infantile, il professor Bernasconi ha attivato da diversi anni, con successo, un ambulatorio multidisciplinare dedicato al bambino sovrappeso o a rischio di eccesso ponderale.

Attività scientifica

L’attività scientifica è documentata da circa 400 pubblicazioni in extenso (di cui oltre 250 su riviste “peer reviewed”) in letteratura internazionale riguardanti in particolare i settori dell'endocrinologia pediatrica, dell'auxologia e delle problematiche nutrizionali, con un Impact Factor complessivo superiore a 500. Le pubblicazioni sono disponibili su Medline.
Il  Prof. Bernasconi è membro di varie società scientifiche nazionali ed internazionali - tra cui la Società Italiana di Pediatria (SIP), la Società Europea di Endocrinologia Pediatrica (ESPE) e la Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP); di quest'ultima è stato anche Presidente. E' inoltre Editor in Chief dell' Italian journal of pediatrics (www.ijponline.net)

Nuovo ambulatorio di Pediatria

Nell’ambito del nuovo ambulatorio di Pediatria/Neonatologia a cura del dott. Giuseppe Felice, segnaliamo l’area di allergologia pediatrica, con la possibilità di eseguire test epicutanei per alimenti ed allergeni inalanti, oltre che, per i bambini di età superiore i 5 anni, prove di funzionalità respiratoria (spirometria). Lo specialista è disponibile anche per visite pediatriche domiciliari. 

CAM Junior

Nasce nella nuova sede del Cam un sistema di servizi integrati, grazie ad un team di specialisti dedicati, rivolto all' infanzia, nelle discipline di maggiore interesse per le problematiche del bambino e dell'adolescente: pediatria, allergologia infantile, dermatologia, otorinolaringoiatria, chirurgia e urologia pediatrica. In questo ambito si inserisce il nuovo servizio per la diagnosi e la cura dell'enuresi notturna - "del bambino che fa pipì a letto" - gestito dal dott. D'Alessio, specialista del settore.