Le nuove frontiere terapeutiche nella sclerosi multipla

Convegno - Neurologia - Corso ECM
Auditorium CAM Monza v.le Elvezia Dedicato a: MEDICO CHIRURGO (tutte le discipline), TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA, BIOLOGO

Giovedì 18 aprile 2013, dalle ore 15.00 alle ore 21.30, presso l'Auditorium CAM di viale Elvezia a Monza si è tenuto il corso ECM sul tema "Le nuove frontiere terapeutiche nella sclerosi multipla".

L’emergere di nuovi farmaci per la Sclerosi Multipla ritenuti più potenti (monoclonali) o maneggevoli (terapie orali) rispetto ai farmaci tradizionali, costringe il neurologo ad una scelta sempre più critica sulla strategia terapeutica da adottare. Dei farmaci tradizionali (IFNB, glatimer acetato) non si conoscono ancora completamente i meccanismi attraverso cui esercitano la loro funzione terapeutica, ma i numerosi anni di pratica clinica, i molteplici e ampi studi postmarketing, permettono di identificarne un profilo di sicurezza più che accettabile. Dei nuovi farmaci si conoscono perfettamente i meccanismi d’azione, essendo spesso il frutto di un disegno farmaco-chimico ben preciso, ma mancano ancora studi di adeguata durata e dimensioni per poterne tracciare un profilo di sicurezza realistico. In queste condizioni tutt’altro che ideali per compiere una scelta terapeutica, il medico non dispone neppure di biomarkers di malattia sufficientemente utili. Se l’attività di malattia o l’(in)efficacia terapeutica possono essere indagati con biomarkers convenzionali di risonanza o immunologici, le capacità riparative, l’autorigenerazione, l’arresto della neurodegenerazione restano ancora variabili non quantificabili con biomarkers clinici o paraclinici.
Intervengono poi altre variabili a rendere ancora più complessa questa scelta: prime tra tutte il tempo. Il bilancio tra rischi e benefici delle nuove terapie è infatti il risultato di fattori che cambiano nel tempo con l’evolversi della malattia. Dunque, una scelta tutt’altro che statica e tutt’altro che definitiva. La “bilancia” stessa che è chiamata a soppesare rischi e benefici spesso non è neppure la stessa per il medico ed il suo paziente. Il neurologo “chiede” ai nuovi farmaci una riduzione dell’attività di malattia, la possibilità di decelerare i processi di neurodegenerazione e la conseguente disabilità. Il paziente consegna ai farmaci futuri la speranza, mai spenta, di un miglioramento. Ad acuire tale gap tra aspettative del medico e del paziente intervengono facili “paradisi artificiali”, come l’intervento chirurgico per la CCSVI, tanto cari ai media e così potenti nel distogliere l’attenzione (e gli sforzi sanitari ed economici) verso i veri obiettivi scientifici in questa malattia.
Tanti interrogativi, alcuni suggerimenti, poche risposte. Una certezza però resta: il medico ha il dovere di informare al meglio il suo paziente nella scelta terapeutica, di fargli comprendere i reali vantaggi dei nuovi medicinali ed il livello di pericolosità dei possibili effetti collaterali ad essi correlati. Solo il paziente però, con la sua personale propensione al rischio e con le sue aspettative (spesso più grandi delle paure) deve restare il protagonista di questa scelta. Durante questa conferenza si affronteranno i dubbi, le speranze, la razionalità delle scelte terapeutiche che ogni medico è chiamato ad affrontare nell’individuare la scelta farmacologica ottimale per ogni paziente affetto da Sclerosi Multipla.

Relatori:

Paolo Confalonieri

Fondazione IRCCS Istituto Neurologico "Carlo Besta", Milano
Vittorio Crespi
Azienda Ospedaliera di Vimercate
Bruno Colombo
INSPE, Ospedale San Raffaele, Milano
Guido Cavaletti
Azienda Ospedaliera San Gerardo, Monza
Roberto Furlan
INSPE, Ospedale San Raffaele, Milano
Maira Gironi
CAM Polidiagnostico, Monza
INSPE, Ospedale San Raffaele, Milano
Vittorio Martinelli
INSPE, Ospedale San Raffaele, Milano
Letizia Leocani
INSPE, Ospedale San Raffaele, Milano
Micaela Robotti
IRCCS Policlinico San Donato, Milano
Maria Assunta Rocca
INSPE, Ospedale San Raffaele, Milano
Marco Rovaris
IRCCS S. Maria Nascente - Fondazione Don Gnocchi
Claudio Solaro
Ospedale Micone, Genova
Mauro Zaffaroni
Ospedale S. Antonio Abate, Gallarate

Programma:

  • 15:00 Apertura dei lavori - V. Crespi

    Moderatore: M. Zaffaroni

    Meccanismi e Biomarkers di malattia:
  • 15:10 Alla base della malattia: infiammazione e neurodegenerazione - P. Confalonieri
  • 15:30 Il ruolo duale dell’infiammazione - R. Furlan
  • 15:50 Nuovi biomarkers o nuove interpretazioni: lo stress ossidativo ed il ruolo del glutammato - M. Gironi

    Dai sintomi all’invalidità:
  • 16:10 Fatica ed SM, aggiornamenti in tema di diagnosi e terapia - B. Colombo
  • 16:30 Le “immagini” della fatica - M.A. Rocca
  • 16:50 Gli aspetti poliedrici del dolore - C. Solaro
  • 17:10 I meccanismi neurofisiologici della fatica - L. Leocani
  • 17:30 Coffee break

    Moderatori: V. Martinelli, P. Confalonieri

    I nuovi farmaci: lo shift terapeutico
  • 18:10 Perché? l’insegnamento dalla clinica - M. Zaffaroni
  • 18:30 Quando? l’aiuto della risonanza - M. Rovaris
  • 18:50 Come? le nuove “speranze” terapeutiche - V. Martinelli
  • 19:30 Discussione plenaria: Fattori determinanti per la compliance terapeutica

    La malattia da parte di chi ne soffre: le domande e le paure dei pazienti
  • 19:50 L’esperienza del centro SM di Monza - G. Cavaletti
  • 20:05 L’esperienza del centro SM del Besta - P. Confalonieri
  • 20:20 L’esperienza del centro SM del HSR - V. Martinelli
  • 20:35 Il “caso” CCSVI: “vecchie credenze” e nuovi dati, cosa ne pensa il paziente - M. Robotti
  • 21:00 Casi clinici interattivi a piccoli gruppi con discussione plenaria
  • 21:30 Compilazione questionari

 

Documenti correlati
Programma Scarica