FitFoodness CAMKids Expo

Per offrire ai pazienti una scelta ancor più estesa, Synlab CAM Monza amplia il servizio di Nutrizione Clinica e Dietetica

Da qualche settimana è attiva, nella squadra dell’ambulatorio di nutrizione, anche la dottoressa Camilla Arianna Galbiati, Biologa Nutrizionista. Formatasi presso l’Università degli Studi di Milano e, successivamente, presso l’Ospedale S. Gerardo di Monza, la dottoressa Galbiati ha svolto il proprio tirocinio di tesi seguendo dal punto di vista nutrizionale le donne in gravidanza. Terminato il percorso di studi, ha collaborato al progetto FitFoodness CAM Kids Expo 2015 attraverso la conduzione di laboratori didattici per bambini e il contributo di analisi e statistica dei dati, che ha portato alla pubblicazione scientifica sulla Rivista di Pediatria Preventiva e Sociale. Attualmente svolge la libera professione come Biologa Nutrizionista, occupandosi in particolare di consulenze nutrizionali, educazione alimentare ed elaborazione di piani dietetici personalizzati sulla base dell’età, del gusto, delle abitudini e delle eventuali patologie della singola persona.

Durante la prima visita la dottoressa Galbiati svolge un colloquio finalizzato alla valutazione dello stile di vita, delle abitudini alimentari del paziente, nonché alla verifica degli obiettivi da raggiungere e del percorso da intraprendere insieme, con un’introduzione all'educazione alimentare. Molta importanza assumono i “controlli”, mirati al chiarimento di qualsiasi dubbio possa insorgere durante il percorso nutrizionale e alla verifica di eventuali difficoltà e dei successi ottenuti, tramite misurazioni oggettive (circonferenze e misurazione della composizione corporea). Il principale obiettivo del percorso nutrizionale è un generale miglioramento dello stile di vita, che possa permettere al paziente non solo di raggiungere il peso ideale, ma anche di essere autonomo nel mantenimento.

Per informazioni e prenotazioni 039 2397.1 e-mail: info.monza@synlab.it

 

Synlab CAM Monza continua il suo percorso di sensibilizzazione sui temi dell’alimentazione e dell’attività fisica tra i banchi di scuola

A settembre, con l’inizio dell’A.S. 2019/2020, la mascotte CAMMino tornerà a “insegnare salute” ai bambini monzesi: tutti i remigini 2019 e le loro famiglie riceveranno il libretto “Bambini, alimentazione e attività motoria”, una pubblicazione elaborata da Synlab CAM per la prima volta nel 2014, con l’obiettivo di intervenire in maniera incisiva nell’educazione alimentare e alla sana attività motoria, per migliorare gli stili di vita famigliari e prevenire così gravi patologie.

Realizzato con il patrocinio del Comune di Monza, il libretto nasce dall’attenzione di Synlab CAM al futuro delle nuove generazioni e dai dati statistici di Okkio alla Salute, secondo i quali nel 2016, in Lombardia, il 25.9% dei bambini era obeso o sovrappeso. Spinti da questa urgenza sanitaria, gli specialisti del centro polidiagnostico hanno messo nuovamente in campo le loro competenze per un’indispensabile azione educativa e preventiva nei confronti dei bambini monzesi.

Le regole per una sana alimentazione e una corretta attività fisica sono raccontate nel libretto dal maghetto CAMMino, attraverso un percorso intuitivo e una grafica ludica e coinvolgente.

Pubblicazione Risultati progetto FitFoodness

E’ stato pubblicato sulla Rivista della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (primo numero 2019), l’articolo scientifico relativo alle conclusioni del progetto FiFoodness.


Imparare giocando: il progetto “FitFoodness CAM Kids”
Esperienza di educazione nella scuola per diffondere corretti stili di vita: risultati preliminari

Autori: Biraghi M.G., La Torre A.L., Galbiati C., Molteni A.,Di Domenica F., Bernasconi S.
Polidiagnostico Synlab-CAM Via delle Foibe 1 – Monza (MB)


Riassunto
L’obesità in età evolutiva costituisce una della più importanti priorità di salute pubblica a livello mondiale e numerose evidenze scientifiche dimostrano che essa può essere causa di importanti complicanze già in età pediatrica, in particolare per quanto riguarda malattie cardiovascolari, alterazioni metaboliche con maggior rischio di sviluppo di diabete di tipo 2 e problematiche psico-socio-affettive. Vengono presentati in questo lavoro i risultati preliminari di un’esperienza pilota condotta in alcune scuole lombarde volta a coinvolgere genitori, scuole e istituzioni nel processo di educazione a corretti stili di vita, a partire dall’età pediatrica.

 

Documenti correlati
Articolo Scarica

Tesi di laurea sul progetto FitFoodness CAMKids Expo

Si è concluso il secondo anno di attività del progetto triennale. Una studentessa del territorio dedica la sua tesi di Laurea Magistrale all’iniziativa, che sta cambiando in positivo gli stili di vita delle famiglie monzesi.

A poche settimane dalla conclusione dell’anno scolastico, che ha segnato il termine della seconda fase del progetto FitFoodness CAMKids, Alice Lucia La Torre discute presso l’Università degli Studi di Milano la sua tesi dal titolo “Imparare giocando: un nuovo approccio per diffondere corretti stili di vita in età pediatrica”.

Classe ‘90, residente a Concorezzo, la studentessa del corso di Laurea Magistrale in Alimentazione e Nutrizione Umana ha dedicato l’elaborato finale del suo percorso di studi al progetto del CAM di Monza, che ha visto quest’anno il coinvolgimento di circa 420 studenti delle scuole primarie monzesi Raiberti, De Amicis e Rubinowicz con i loro insegnanti e famiglie.

FitFoodness CAMKids ha portato anche nel 2016 attività didattiche in aula, laboratori esperienziali, affiancamento di bambini e insegnanti durante le ore curriculari di attività motoria da parte di Fisiatri ed esperti in Scienze Motorie, convegni, workshop e pubblicazioni dedicate a insegnanti e genitori. Gli studenti, guidati dalla mascotte CAMMino nel “regno di MelaMangio”, si sono cimentanti in questi mesi in attività ludico-educative, apprendendo la buona alimentazione e le sane abitudini all’attività motoria.

Un percorso dalla forte valenza socio-educativa, che quest’anno si è ulteriormente avvalorato del contributo analitico di Alice Lucia La Torre, che ha svolto la sua tesi su un’indagine scientifica condotta in questi mesi attraverso questionari a genitori e studenti.

L’obiettivo del mio lavoro – spiega la neo-dottoressa – è stato quello di valutare se una forma di educazione come quella prevista dal progetto FitFoodness CAMKids possa effettivamente apportare miglioramenti nelle abitudini alimentari e nello stile di vita dei bambini. Attraverso la valutazione delle risposte fornite ai questionari somministrati prima e dopo l’intervento anche a 140 bambini di un gruppo di controllo, ho potuto rilevare interessanti evoluzioni nello stile di vita dei bambini sottoposti al trattamento”.

Il miglioramento della qualità della merenda a metà mattina, con un miglior bilanciamento di proteine e carboidrati nell’arco della giornata, un’incoraggiante variazione delle modalità di raggiungimento dell’istituto scolastico (si predilige il percorso a piedi piuttosto che con i mezzi) e un aumento del consumo quotidiano di frutta e verdura, sono soltanto alcuni dei primi risultati positivi emersi dall’analisi svolta da Alice. Dallo studio è emerso anche che i genitori di bambini sovrappeso od obesi tendono a sottostimare lo stato ponderale dei propri figli e la quantità di cibo da loro assunta, ritenendo quindi non necessarie correzioni al loro stile di vita.

Da diverse indagini (es. OKkio alla Salute, Sistema di sorveglianza del Ministero della Salute) emerge come la scuola sia a tutti gli effetti il luogo di elezione perché qualsiasi intervento su salute e stili di vita dei bambini possa avere efficacia. I dati monzesi emersi dall’indagine condotta nell’ambito del progetto FitFoodness dimostrano come la situazione monzese sia in partenza lievemente migliore rispetto alla media nazionale rilevata da OKkio alla salute, con il 19,4% di bambini in sovrappeso e solo il 2,9% di bambini obesi (rispetto al 20,9% di bambini in sovrappeso e il 9,8 % di obesi in Italia).

100 bambini obesi di oggi sono 75 futuri adulti obesi, ma, fortunatamente, evidenze scientifiche stanno dimostrando come le politiche preventive, soprattutto in età precoce, siano vincenti: il progetto monzese è un’ulteriore conferma di questo grande potenziale anche nel nostro territorio.

Chiaramente l’indagine è il risultato di un lavoro analitico-scientifico di qualche mese – chiarisce la studentessa –, che però già lascia intravedere i risultati positivi di un percorso di sensibilizzazione ponderato basato sui tre target -studenti, genitori, insegnanti - per combattere l’obesità infantile”.

Grande soddisfazione al CAM per questo nuovo traguardo raggiunto insieme ad Alice, che si è brillantemente laureata con 107 negli scorsi giorni. Il polo sanitario monzese sta già organizzando la terza fase del progetto FitFoodness CAMKids, che prenderà avvio a settembre alla riapertura delle scuole.

Documenti correlati
Articolo de "Il Cittadino" del 14 luglio 2016 Scarica